Asma e lavoro

L'asma è la causa principale di assenza dal lavoro o scolastica. Al lavoro trascorriamo la maggior parte del nostro tempo e la salubrità dell'ambiente lavorativo è pertanto molto importante, specie per i pazienti asmatici. L'asma professionale può rappresentare fino al 15% di tutte le forme di asma bronchiale, in particolare nei giovani adulti, e deve essere distinta dalle forme di asma preesistenti, ossia quelle che si aggravano in seguito all'esposizione ad agenti irritanti presenti nel luogo di lavoro.Asma e lavoro Tuttavia, è altresì possibile che un soggetto già asmatico sviluppi una spiccata reattività nei confronti di irritanti presenti nel proprio ambiente lavorativo. In alcuni casi il lavoratore può andare in contatto con sostanze volatili irritanti (anidridi, aldeidi, acidi, ecc.), qual è il caso di verniciatori, carrozzieri, conciatori, addetti delle industrie chimiche ecc.; queste sostanze non fanno altro che esaltare l'iperreattività bronchiale del soggetto affetto da asma. Per evitare problemi, è consigliabile cercare di cambiare mansione lavorativa o adottare misure che evitino il contatto diretto con il fattore irritante. I trattamenti farmacologici aiutano, ma è stato dimostrato che la continua esposizione a irritanti ambientali riduce l'efficacia della terapia.

In altri casi, nell'ambiente lavorativo sono presenti allergeni verso i quali il soggetto asmatico ha sviluppato un'allergia. Si pensi agli addetti dell'industria alimentare e in generale a coloro che lavorano con derivati di animali e vegetali. Un altro caso può essere la polvere del lattice, presente nei guanti utilizzati da infermieri, odontoiatri o tecnici di laboratorio. Se non è possibile allontanare gli allergeni o i fattori irritanti dalla propria postazione di lavoro, si dovrebbero utilizzare dispositivi di protezione individuale, come attrezzature di respirazione, che impediscono l'inalazione dell'allergene o del fattore irritante, assieme a strategie sempre utili, come quelle di attivare i sistemi di aerazione e purificazione dell'aria, rispettare e fare rispettare il divieto di fumo nell'ambiente lavorativo, e ridurre o contenere lo stress.

Ultimo aggiornamento: luglio 2016

Riferimenti in letteratura

  1. National Heart, Lung and Blood Institute. National Asthma Education and Preven-tion Program (NAEPP). Expert Panel Report (EPR) 3. Guidelines for the diagnosis and management of asthma. Full Report 2007.
Professionisti salute