Attività fisica

L'attività fisica dovrebbe sempre far parte del programma terapeutico dell'asma, sia negli adulti che nei bambini. Ancora poco tempo fa era opinione diffusa, anche tra i medici, che gli asmatici dovessero evitare lo sport, specie se impegnativo e aerobico. In certi casi il medico o il pediatra esentava il bambino dal praticare l'educazione fisica a scuola. Col passare del tempo si è capito, però, che i benefici dell'attività fisica e dello sport erano superiori al rischio di crisi asmatiche e alle loro eventuali ricadute negative sulla salute del bambino. Per non parlare dell'atteggiamento troppo protettivo di alcuni genitori, i quali potrebbero trasmettere la loro ansia al figlio ingenerando stati di stress difficilmente gestibili dal bambino. La sedentarietà può avere effetti deleteri sui ragazzi, quali il sovrappeso o anche l'obesità, che a loro volta, oltre a inibire lo sviluppo psico-sociale, hanno anche un potenziale impatto negativo sulla stessa asma. I bambini asmatici in sovrappeso presentano maggiori limitazioni nell'attività fisica e usano più farmaci anti-asma rispetto a quelli di peso normale, anche se hanno un'asma meno grave.

Attività fisica e asma nei bambiniChe lo sport e l'attività fisica siano compatibili con l'asma è, inoltre, testimoniato dai numerosi atleti di successo (ricordiamo, ad esempio, i nuotatori Tom Dolan, Alain Bernard, Mark Spitz, Federica Pellegrini, i maratoneti Haile Gebrselassie e Paula Radcliffe, la quattrocentista Cathy Freeman, il ciclista Paolo Bettini o il tennista Filippo Volandri) che hanno raggiunto premi prestigiosissimi pur soffrendo d'asma.

Quali limiti all'attività fisica?

È preferibile scegliere attività sportive che prevedono una ventilazione minore (numero minore di movimenti respiratori), come nel nuoto, e in condizioni climatiche preferibilmente non eccessivamente secche. È anche consigliabile che il bambino pratichi una fase di leggero riscaldamento a bassa intensità di almeno 20-30 minuti, per evitare una broncocostrizione troppo violenta durante l'attività fisica vera e propria. Talvolta è consigliabile l'uso di farmaci broncodilatatori o antinfiammatori prima di iniziare l'attività fisica in questione.

Ultimo aggiornamento: luglio 2016

Riferimenti in letteratura

  1. Pediatr Pulmonol Suppl. 1997 Sep;15:13-6. The burden of pediatric asthma. Lenney W.
Professionisti salute