Glossario

  • A
  • B
  • C
  • D
  • E
  • F
  • G
  • H
  • I
  • J
  • K
  • L
  • M
  • N
  • O
  • P
  • Q
  • R
  • S
  • T
  • U
  • V
  • W
  • X
  • Y
  • Z
A

Allergene: Sostanza (che può essere introdotta con l'alimentazione o la respirazione) che provoca una risposta allergica.

Allergia: Risposta eccessiva del sistema immunitario nei confronti di sostanze abitualmente innocue, ad esempio pollini.

Asma allergica: Asma i cui sintomi sono innescati dal contatto con una specifica sostanza attraverso la respirazione o, meno frequentemente, con l’alimentazione.

Asma da sforzo: Asma i cui sintomi si presentano ogniqualvolta si pratichi uno sforzo fisico intenso.

Asma occupazionale: Asma i cui sintomi si presentano preferenzialmente sul luogo del lavoro, per l'esposizione ad allergeni o a diversi fattori scatenanti.

B

Broncocostrizione: Restringimento dei bronchi dovuto alla contrazione dei muscoli lisci bronchiali, che causa una diminuzione del flusso d'aria negli attacchi d’asma.

Broncodilatatori: Farmaco in grado di dilatare i bronchi, tra cui i β2-agonisti e gli anticolinergici. Sono usati nel trattamento di breve e lungo termine dei pazienti con asma.

Broncopneumopatia ostruttiva bronchiale: Patologia in cui, a differenza dell’asma, non si ha un'ampia reversibilità della broncocostrizione, ma un peggioramento progressivo della stessa.

C

Corticosteroidi: Sostanze chimiche ad azione antinfiammatoria simili al cortisolo (cortisonici). Sono i farmaci antinfiammatori attualmente più efficaci nel trattamento dell’asma.

D

Dispnea: Sensazione di difficoltà respiratoria, talvolta indicata come “fame d’aria”.

F

Fattore scatenante: Qualsiasi sostanza (specifica, come un allergene, o non specifica, come un odore forte) in grado di scatenare un attacco d'asma.

I

Immunoglobuline E: Anticorpi coinvolti nelle reazioni allergiche. Attivano cellule implicate nell’infiammazione.

Immunoterapia: Terapia che prevede la desensibilizzazione del paziente nei confronti di un particolare allergene.

Infiammazione: Meccanismo di difesa non specifico innato, che rappresenta una risposta protettiva, a seguito di un’aggressione esterna da parte di agenti fisici, chimici e biologici, il cui obiettivo finale è l'eliminazione della causa del danno e avviare il processo di guarigione.

Iperreattività bronchiale: Caratteristica dei bronchi del soggetto asmatico, che reagiscono in modo esagerato a diversi agenti o fattori scatenanti con una broncocostrizione eccessiva.

R

Respiro sibilante: Detto anche “wheezing”, è il rumore caratteristico prodotto durante la respirazione in alcune forme patologiche, come nell’asma.

S

Spirometria: Esame della funzionalità respiratoria per la valutazione della capacità ventilatoria polmonare. Viene eseguita con  lo spirometro.

Spirometro: Apparecchio utilizzato durante la spirometria costituito da un sensore collegato a un boccaglio e da una parte che misura i movimenti d’aria provocati dal paziente, che respira attraverso il sensore e li registra su uno schermo.

T

Test allergologici: Test, che possono essere cutanei o sierologici, in grado di rilevare la presenza di un’allergia nei confronti di allergeni alimentari o inalatori.

V

VEMS: Parametro di funzionalità respiratoria ottenuto con la spirometria. È il volume espiratorio massimo in un secondo (in Inglese FEV1). Indica il volume d’aria espirato nel corso di un secondo di un’espirazione massima forzata. Esprime lo stato di pervietà dei bronchi.

Professionisti salute