Stress e asma

L'asma, così come altre malattie particolarmente complesse per quanto concerne cause ed effetti, è stata considerata un prototipo di malattia psicosomatica. Tuttavia, il fatto che gli attacchi d’asma possano essere anche scatenanti o che la condizione dei pazienti asmatici possa essere peggiorata da particolari emozioni (come ansia, stress, stati emotivi negativi, ecc.) non è un dato assodato e molti studi hanno criticato questa ipotesi. Anzi, alcune ricerche che hanno cercato di correlare gli stati d’ansia con eventuali esacerbazioni dei sintomi d’asma nei pazienti non sono riuscite a supportare l'idea che tra asma ed emozioni possa esserci un legame. Un legame più forte fra ansia e asma sembra esserci nel caso dei bambini asmatici.

Al contrario, è noto che i pazienti asmatici, in particolare in corrispondenza dei periodi in cui la malattia si manifesta in maniera più grave, possano essere più a rischio di depressione e ansia. Ciò però non stabilisce una correlazione causale fra ansia e asma, nondimeno è stata ipotizzata una causalità bidirezionale: secondo tale prospettiva, l'asma può causare ansia, ma anche l’ansia potrebbe aumentare la probabilità delle crisi. Inoltre, uno stato d'ansia o, peggio, di depressione, potrebbe indurre il paziente a non seguire il regime terapeutico prescritto dal medico, aumentando in questo modo il rischio di futuri attacchi d'asma. Alcuni stati emotivi potrebbero anche perturbare l'auto-percezione dei sintomi e dei segni che precedono ogni attacco d’asma.

Nonostante l’assenza di un unanime punto di vista sull’eventuale correlazione asma-stress, è tuttavia consigliabile che i pazienti evitino le emozioni forti e, nel caso, considerino, se necessario, un approccio psicologico per la gestione della loro vita emotiva. Sotto questo punto di vista, sono consigliabili tutti gli approcci generalmente adottati per mitigare le condizioni di stress o di ansia, che vanno da una costante leggera attività fisica ad approcci più mirati e "professionali", come la psicoterapia, lo yoga e le tecniche di respirazione.

L'asma, così come altre malattie particolarmente complesse per quanto concerne cause ed effetti, è stata considerata un prototipo di malattia psicosomatica. Tuttavia, il fatto che gli attacchi d'asma possano essere anche scatenanti o che la condizione dei pazienti asmatici possa essere peggiorata da particolari emozioni (come ansia, stress, stati emotivi negativi, ecc.) non è un dato assodato e molti studi hanno criticato questa ipotesi. Anzi, alcune ricerche che hanno cercato di correlare gli stati d'ansia con eventuali esacerbazioni dei sintomi d'asma nei pazienti non sono riuscite a supportare l'idea che tra asma ed emozioni possa esserci un legame. Un legame più forte fra ansia e asma sembra esserci nel caso dei bambini asmatici.

Al contrario, è noto che i pazienti asmatici, in particolare in corrispondenza dei periodi in cui la malattia si manifesta in maniera più grave, possano essere più a rischio di depressione e ansia. Ciò però non stabilisce una correlazione causale fra ansia e asma, nondimeno è stata ipotizzata una causalità bidirezionale: secondo tale prospettiva, asma può causare ansia, ma anche l’ansia potrebbe aumentare la probabilità delle crisi. Inoltre, uno stato d'ansia o, peggio, di depressione, potrebbe indurre il paziente a non seguire il regime terapeutico prescritto dal medico, aumentando in questo modo il rischio di futuri attacchi d'asma. Alcuni stati emotivi potrebbero anche perturbare l'auto-percezione dei sintomi e dei segni che precedono ogni attacco d'asma.

Nonostante l'assenza di un unanime punto di vista sull'eventuale correlazione asma-stress, è tuttavia consigliabile che i pazienti evitino le emozioni forti e, nel caso, considerino, se necessario, un approccio psicologico per la gestione della loro vita emotiva. Sotto questo punto di vista, sono consigliabili tutti gli approcci generalmente adottati per mitigare le condizioni di stress o di ansia, che vanno da una costante leggera attività fisica ad approcci più mirati e "professionali", come la psicoterapia, lo yoga e le tecniche di respirazione.

Ultimo aggiornamento: luglio 2016


Riferimenti in letteratura

  1. Stress-induced asthma: a review of research and potential mechanisms. Rietveld S, Everaerd W, Creer TL. Clin Exp Allergy. 2000 Aug;30(8):1058-66. Review.
  2. Di Marco F, Santus P, Centanni S. Anxiety and depression in asthma. Curr Opin Pulm Med. 2011 Jan;17(1):39-44.
Professionisti salute